Gastronomia

La gastronomia

 

Una particolare considerazione merita l'olio extravergine di oliva prodotto da questa terra, simbolo della millenaria civiltà agricola ed insieme settore trainante della Sabina.
Il clima mediamente temperato, la pendenza ideale dei sistemi collinari e l'esposizione ottimale di gran parte degli oliveti insieme con la varietà di piante consentono di ottenere un olio particolarmente leggero (colore giallo oro con sfumature sul verde per gli oli freschissimi, sapore fruttato, vellutato, uniforme, aromatico, dolce, amaro per gli oli freschissimi, acidità massima - espressa in acido oleico, in peso - 0,7 grammi per 100 grammi di olio, numero di Perossidi <= 10 Meq 02/Kg).

L'olio sabino ha ottenuto un importante riconoscimento: è il primo olio di oliva extravergine a Denominazione di Origine Controllata d'Italia. La Denominazione di Origine Controllata "Sabina" deve essere ottenuta dalle seguenti varietà di olivo presenti, da sole o congiuntamente, negli oliveti: Carboncella, Leccino, Raja, Pendolino, Frantoio, Moraiolo, Olivastrone, Salviana, Olivago e Rosciola per almeno il 75%. Possono, altresì, concorrere le olive di altre varietà presenti negli oliveti fino ad un massimo del 25%. Questo grazie anche ad una particolare cura per ogni momento della lavorazione: il prodotto di qualità si ottiene grazie alla molitura a freddo e ad un'attenta raccolta effettuata a mano sulle piante senza percuotere i frutti e alla conservazione del prodotto trasformato.

Nella gastronomia tradizione, estro e genuinità fanno leva sugli ingredienti di qualità già ricordati.
Per chi ama mangiare sano e di buon gusto segnaliamo alcuni semplici e genuini piatti locali: gli strozzapreti, dei maccheroni a matassa impastati a mano fini a ridurli in un unico lungo cordone dello spessore poco inferiore al mignolo e conditi con sugo di pomodoro, olio e aglio; le fregnacce, semplice impasto di acqua e farina che immerse in olio bollente formano un'appetitosa focaccia, resa ancor più gustosa dall'aroma della locale mentuccia (la santoreggia) che si aggiunge all'impasto; l'invernale padellaccia, che consiste in una stesa di polenta abbondantemente cosparsa di sugo, di formaggio, di ritagli di maiale appena macellato o di galluzze (il nome dialettale per i gallinacci).
Molto noti in Sabina sono i falloni, pani ripieni di foglie di bietola lessata e condita con aglio e olio, i frittelli, cime di broccoli impanate e fritte.
 

Residenza in tempo reale

Calcolo IMU

Operazione trasparenza

Trasparenza valutazione e merito

Bando per la selezione di cittadini volontari

Statistiche accessi al sito

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi201
mod_vvisit_counterieri220
mod_vvisit_counterquesta settimana1218
mod_vvisit_counterla settimana scorsa1589
mod_vvisit_counterquesto mese3969
mod_vvisit_counteril mese precedente6952
mod_vvisit_countertotali dal 1.9.2011320535

Ci sono: 16 ospiti ora online
Il suo indirizzo: 54.224.121.67
 , 
Oggi : Nov 18, 2017

Galleria immagini

Mappa visitatori